Zona NucleareIl sito unico nazionale per la raccolta delle scorie nucleari ,
la Sogin, i Personaggi, le Norme, il business dei rifiuti radioattivi,
le situazioni ambigue di una vicenda attorno cui girano Miliardi di Euro

 |  Home  |  Contatti  Dillo a un amico  |  Newsletter   |  Forum  |  Siti "Amici"  |  Scambio Link  | Nuclear Escape? Click Here! : : |

 

 



   
   
Il sito unico nazionale per la raccolta delle scorie nucleari , la Sogin, i Personaggi, le Norme, il business dei rifiuti radioattivi  italiano

    The only national site for collection of nuclear wastes in Italy, Sogin, Personages, Rules, radioactive wastes business  english
    Le seul site national pour la récolte des déchets nucléaires en Italie, le Sogin, les Personnages, les Règles, le business des déchets radioactifs  francais
    イタリアにおける国の統合核廃棄物処分場、la Sogin(核施設管理株式会社)、重要人物、法規、放射性廃棄物ビジネス  japanese
    El único “sitio nacional” por la recolección de la basura nuclear en Italia, la SOGIN, los personajes, las normas, el negocio de los desechos radiactivos  espanol
    Einziges Atommüll-Endlager in Italien, die SOGIN, die Mitwirkenden, die Normen, der Business des radioaktiven Abfalls  deutsch

   ENGLISH REPORT
1. I.A.E.A. report of nuclear power development in Italy
2. What is SOGIN - Nuclear Plant Management?
3. What is ANPA (now called APAT)?
4. Decommissioning in Italy - National fact sheet
5. Status of decommissioning activities of Italian Nuclear Power Plants
6. More info about Scanzano Jonico (or Ionico) and nuclear waste repository
7. Italy to send nuclear waste abroad for disposal and UK to keep foreign nuclear waste


NOTIZIE IN EVIDENZA

Novità! Cerchi
news sul nucleare?

archivio nucleare

 



Non trovi quello che
cerchi? Vorresti che
fosse approfondito un
determinato argomento?
Hai individuato una
inesattezza? Hai a
disposizione altro
materiale? Per ogni
dubbio o chiarimento
non esitare a contattarci

  richiedi
  proponi
  collabora

cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro


 


 
 

Lo smantellamento degli arsenali nucleari, l' uranio altamente arricchito (HEU), il plutonio e il mox

 

Durante la guerra fredda la strategia nucleare era basata su una scommessa: la "razionalità" dell’avversario in un eventuale grave crisi tra l’Unione Sovietica e l’America. In altre parole gli arsenali nucleari erano talmente sproporzionati (nel 1986 il numero di testate nucleari degli appartenenti al "Club atomico" era 69580) che il loro utilizzo avrebbe significato la distruzione globale assicurata, ragione per cui si assumeva che nessuna delle parti avrebbe mai risposto con le armi nucleari.

Per garantire la stabilità geopolitica, le maggiori potenze nucleari avevano avviato la discussione che ha preceduto la definizione dei Trattati di Non Proliferazione (NPT) e di Proibizione dei Test Nucleari (CTBT). Il NPT è stato esteso indefinitamente nel 1995 ed è stato sottoscritto dalla quasi totalità delle Nazioni e il CTBT è stato firmato nel 1996 da oltre 130 Paesi (ma non da India e Pakistan). Il CTBT non è ancora operativo per l’assenza di ratifica da parte anche di America e Russia.

Finita la guerra fredda e spostandosi il confronto a regioni geopolitiche instabili e con arsenali (ufficiali e non) molto più ridotti, viene meno il meccanismo di "deterrenza atomica" della Guerra Fredda. Pertanto la "bomba" torna a poter essere usata come strumento di pressione o di ricatto o di "esternalizzazione" degli interessi nazionali nel caso di Paesi, come l’India, che si sono trovati isolati politicamente ed economicamente.
 

A tutt'oggi il programma avviato da Francesi, Americani e Russi ha portato a questa situazione:

  anno n° testate anno n°testate
Francia 1990 540 1997 450
America 1966 32.000 1997 12.000
Russia 1986 45.000 1997 23.000

Per le due principali potenze nucleari, lo smantellamento è conseguenza dell'accordo bilaterale di disarmo sulle testate nucleari strategiche denominato START I ed entrato in vigore nel 1994.  [1]


  1. La grande eredità della corsa agli armamenti: la grande quantità di materiale fissile e il problema della sua destinazione
     
  2. L' intervento del G8 nel mettere in sicurezza armi nucleari, armi chimiche e altre armi utilizzabili a fini terroristici

 


A. La grande eredità della corsa agli armamenti


La prima eredità della corsa agli armamenti è la grande quantità di materiale fissile prodotta cioè di uranio altamente arricchito (HEU) e di plutonio. A sua volta il materiale fissile è classificato come weapon-grade se le composizioni isotopiche superano una certa soglia (93% di U-235 per l'Uranio altamente arricchito e 93% di Pu-239 per il plutonio).


Secondo una stima recente del Natural Resources Defense Council (NRDC) di Washington D.C., per costruire una rudimentale bomba a fissione possono bastare da 1 a 6 kg; di plutonio e da 3 a 16 kg di U-235 contenuto in HEU a seconda delle capacità tecniche dei costruttori e della potenza esplosiva dell'ordigno prodotto.

Ma se le quantità di materiale fissile necessarie per costruire una bomba a fissione sono modeste, le quantità di Pu e di HEU prodotte da parte dei Paesi dotati di armi nucleari sono assai vaste.

Un recente rapporto dello U.S. Department of Energy dichiara che lo stesso DOE ha acquisito, dal 1944 al 1994, 111.4 tonnellate di plutonio per scopi militari di cui 99.5 tonnellate ancora presenti in inventario. Una stima di A. S. Diakov stabilisce in circa 126 tonnellate la quantità di plutonio prodotta da URSS/Russia fino al 1995.

Per quanto riguarda l'Uranio arricchito lo stesso US DOE ha dichiarato di avere prodotto complessivamente 994 tonnellate di HEU di cui l'ammontare destinato alle armi nucleari è stato stimato in 730 tonnellate, mentre le corrispondenti quantità per l'URSS/Russia potrebbero risultare superiori del 15-30% a quelle degli USA.

A seguito dello smantellamento delle armi nucleari; una parte consistente di questo materiale fissile è stato o verrà dichiarato "in eccesso": si tratta di almeno 100 tonnellate di plutonio e 700 tonnellate di uranio altamente arricchito (HEU).

Oltre al materiale fissile connesso alle attività militare, esistono grandi quantitativi di Plutonio nel combustibile e nelle scorie dei reattori nucleari, infatti si tratta della maggiore parte del plutonio esistente. Esiste poi del plutonio di origine civile già sottoposto al processo di separazione. Una stima della National Academy of Science americana del 1994 stabilisce in 1100 tonnellate l'ammontare totale del Plutonio esistente nel mondo nel 1992 e prevede che tale ammontare nel 2000 salirà a 1600-1700 tonnellate.

I problemi che riguardano l'enorme quantitativo di materiale fissile prodotto sono innanzitutto problemi di sicurezza. L'ostacolo principale che si frappone alla costruzione di armi nucleari rudimentali non è l'accesso alle necessarie informazioni tecnologiche, quanto la disponibilità di materiale fissile. Il problema è dunque evitare che paesi interessati all'acquisizione di armi nucleari o organizzazioni illegali acquisiscano HEU e plutonio.

Il plutonio contenuto nelle scorie dei reattori è però di difficile accessibilità per dei potenziali proliferatori nucleari perché non è separato dal resto delle scorie radioattive. Così pure è logico aspettarsi che le testate nucleari intatte (cioè non smantellate) siano difficilmente accessibili, perché protette dalle strutture militari.

Le testate smantellate, il plutonio già separato, costituiscono dunque il possibile anello più debole della catena del sistema di controllo del materiale fissile. Questo problema è stato posto all'attenzione della pubblica opinione soprattutto in connessione con la dissoluzione dell'ex-URSS e con le conseguenti difficoltà politiche economiche ed organizzative che si sono manifestate nei Paesi dell'ex-URSS.

Le testate che devono essere smantellate hanno un lungo iter davanti a sé prima che il materiale fissile trovi la sua "sistemazione finale". Le testate devono essere prima di tutto disinnescate (cioè si devono togliere i circuiti di innesco che si trovano nella parte esterna delle testate). Poi devono essere trasportate nei depositi a cui sono destinate. Quindi si devono aprire le testate, separando il materiale fissile collocato in un contenitore metallico detto pit dal resto della testata (esplosivo chimico, sistema secondario nelle bombe termonucleari, ecc.). A questo punto il pit, che contiene il plutonio o l'uranio arricchito, può essere ulteriormente smantellato solo al momento della destinazione finale del materiale fissile.

Dal punto di vista della sicurezza il processo di smantellamento di una testata presenta dunque i seguenti problemi:

  • sicurezza del trasporto delle testate disattivate ai depositi;
  • controllo e registrazione accurata di tutte le testate e i pezzi delle stesse che vengono smantellate;
  • custodia in condizioni di sicurezza dei pit in attesa della destinazione finale del materiale fissile;
  • definizione della destinazione finale del materiale fissile e sua attuazione in condizione di sicurezza;
     

Occorre sottolineare che l'alto numero delle testate da smantellare imporrà una protrazione della fase di custodia del materiale fissile sotto forma di pits , e conseguentemente che i relativi problemi di sicurezza permarranno indipendentemente dalla scelta della destinazione finale del materiale fissile stesso.
Per quanto riguarda l'uranio arricchito, la destinazione logica è quella di diluirlo con uranio naturale o impoverito, in modo da costituire uranio a bassi livelli di arricchimento utilizzabile in reattori nucleari. Per il plutonio una analoga scelta non è disponibile perché il mescolamento di diversi isotopi del plutonio non elimina il rischio connesso alla proliferazione nucleare. Viceversa il mescolare plutonio con altri elementi (uranio) è una procedura che richiede maggiore attenzione perché il processo inverso (separazione) può essere semplicemente attuato tenendo conto delle diverse proprietà chimiche degli elementi.

Per quanto riguarda la destinazione del plutonio, tra le numerose scelte prospettate due sono oggi quelle maggiormente considerate:

  • considerare il plutonio alla stregua di scorie e custodirlo indefinitamente dopo averlo trattato in modo da renderne difficile l'accesso (ad esempio vetrificandolo insieme con materiale altamente radioattivo);
  • utilizzare il plutonio per la preparazione di combustibile MOX (ossidi misti di U e Pu) per reattori nucleari civili.
     

La scelta tra le precedenti due opzioni sarà determinata da fattori diversi e non soltanto da questioni di sicurezza. La praticabilità della seconda soluzione sarà determinata ad esempio dall'esistenza di adeguati impianti di preparazione del MOX, dalle caratteristiche degli impianti nucleari che possono utilizzare tale combustibile, dalla convenienza economica dell'intera operazione (costo del MOX contrapposto al costo del combustibile ad uranio a basso livello di arricchimento), dalle attitudini politiche dei paesi potenzialmente interessati ad utilizzare il plutonio come combustibile nucleare. Ad esempio può svolgere un ruolo l'ostilità della pubblica opinione in alcuni paesi occidentali verso la scelta nucleare come, in direzione opposta, può pesare la convinzioni del governo russo che il "plutonio è una ricchezza nazionale".
A proposito dei tempi di smantellamento delle testate nucleari, ci possiamo facilmente rendere conto che la velocità di smantellamento delle testate non è eccessivamente alta. Basta confrontare i seguenti dati riferiti agli USA:

  • Media annua delle testate nucleari americane prodotte negli anni 1959 e 1960: oltre 7000;
  • Testate nucleari americane smantellate nel 1969: oltre 3000;
  • Anni in cui sono state smantellate più di 2000 testate nucleari americane per anno: 1959, 1964, 1966, 1968, 1969, 1975, 1976 ;
  • Media annua delle testate nucleari americane smantellate nel dopo guerra-fredda (dal 1991 al 1995): 1550 .
     

Per quanto riguarda la Russia, questa ha smantellato dal 1986 armi nucleari ad un ritmo iniziale compreso tra 2000 e 3000 all'anno. Il ritmo è stato successivamente rallentato per attestarsi su poco meno di 2000 testate per anno.   [2]


Il MOX (mixed oxide) o plutonio combustibile, viene prodotto da industrie di rielaborazione in Francia, a La Hauge dalla COGEMA, e in Gran Bretagna a Sellafield dalla BNFL: questi stabilimenti prendono il combustibile bruciato dai reattori delle centrali che producono energia nucleare, ed attraverso un processo altamente inquinante, isolano il plutonio dagli altri elementi radioattivi. Il plutonio è più tardi combinato con l’uranio per formare appunto il MOX o plutonio combustibile riutilizzabile.
   [3]

La situazione dei rifiuti radioattivi in Francia e Gran Bretagna e nei principali Stati europei

L'impianto di Sellafield (BNFL) in Gran Breatagna per il trattamento di rifiuti nucleari

per maggiori informazioni su una nuova tecnologia messa a punto dal premio Nobel Carlo Rubbia che prevede una variante del sistema ADS (Accelerator Driven System) e che consentirà di “bruciare” le scorie radioattive, abbreviando l'emivita delle scorie









fonti:

http://lxmi.mi.infn.it/~landnet/NDSDNMrf.html   [1]
http://www.uspid.dico.unimi.it/doc/rischiBo.html  [2]
http://members.xoom.it/verna21/plutonio.htm   [3]
http://www.diplomatie.gouv.fr/label_france/50/it/07.html   [4]
 

 

 



  VUOI INTERAGIRE?

 
VUOI ORIENTARTI?

 ^ INFO FAQ
 ^ NEWS
 ^ GLOSSARIO
 ^ CERCA NEL SITO

(usa il motore di ricerca e trovi quello che vuoi nelle oltre 800 pagine del sito)

  SCIENZA
1. Cosa è la radioattività? e i suoi effetti?
2. L' uomo, le radiazioni corpuscolari ed elettromagnetiche, le radiazioni ionizzanti
3. Le applicazioni della radioattività e delle radiazioni ionizzanti
4. Cosa sono le scorie nucleari?
5. Cosa sono i rifiuti radioattivi? (definizione, classificazione, origine)
6. La gestione dei rifiuti radioattivi

7. Documentazione scientifica in merito alla materia "rifiuti nucleari"
8. Come si effettua rilevamento e la misurazione della radioattività? (cenni normativi, strumenti, unità di misura)
 

 
 
NORME
1. La scelta del sito per il deposito di rifiuti nucleari: dall' Enea alla Sogin
2. Scorie nucleari. Il Commissario e la Commissione
3. Il decreto-legge n. 314/03 e la legge di conversione n.368/03
4.
Accordi, norme e raccomandazioni internazionali che non sono state rispettate nella legge 368/03
5.
Risoluzione del Comitato delle Regioni (organo UE) n. 251 del 1998
6. Il Progetto europeo COMPAS
7. Riferimenti normativi in merito alla materia "rifiuti nucleari"
8. Guida Tecnica n. 26 - La gestione dei rifiuti radioattivi

9. Le Direttive Europee che disciplinano l’ accesso del pubblico all’ informazione ambientale
10. Il diritto alle informazioni e ai processi decisionali e le sue basi normative
 
 
QUESTIONE
        SCORIE ITALIA
1. La commissione parlamentare d' inchiesta Scalia
2. La Task Force Enea
3. L' Inventario   Nazionale dei Rifiuti Radioattivi - ENEA 2000
4. Il GIS (Sistema Informativo Geografico) della Task Force Enea
5. Il GIS (Sistema Informativo Geografico) del GSP3 - SITO
6. Carlo Jean, un Generale molto militare, poco nucleare...
7. I mille incarichi del prof. Paolo Togni - vice della Sogin e tanto altro...
8. La Sogin Spa e il nucleare in Italia
9. Le attività della Sogin
10. Il parere che Carlo Rubbia ha esposto in Parlamento
11.
Il parere degli esperti: J.K. Mitchell, B. De Vivo, P.Risoluti, T. Regge
12. Quali fattori per la scelta: scientifici? ...o forse politici?
13. Il referendum sul nucleare del 1987
14. Mappa degli attuali depositi di materiale radioattivo in Italia
15.
La situazione in Italia dei rifiuti radioattivi
16. Studio Sogin per la localizzazione del sito a Scanzano Ionico - relazione integrale
17. Studio Sogin per la localizzazione del sito a Scanzano Ionico - appendice finale
18. Workshop internazionale sul decommissioning degli impianti nucleari - Roma 2004
 
 
DOSSIER ITALIA
1. L' ecomafia dei rifiuti in Italia
2. Il traffico di materiale ferroso contaminato alle fonderie
3. Navi affondate e sospetti: i traffici di rifiuti pericolosi e radioattivi
4. La legge-delega sull'ambiente: effetti, personaggi, valutazioni
5. Il Ministro dell’Ambiente Matteoli: paralisi o no?

6. La costruzione del "sito unico": l'Impregilo e la B.N.L. in prima linea?
7. A Taranto una base USA per i sottomarini nucleari?
8. Il rischio attentati terroristici legati ai depositi di scorie radioattive
 
 
DOSSIER MONDO
1. La situazione in Europa dei rifiuti radioattivi
2. I depositi per lo smaltimento dei rifiuti nucleari nel mondo
3.
Il problema delle scorie radioattive in USA

4. Il problema delle scorie radioattive in Russia
5. L'impianto di Sellafield in Gran Bretagna per il trattamento di rifiuti nucleari
6.
Lo smantellamento degli arsenali nucleari, l' uranio altamente arricchito (HEU), il plutonio e il mox
7. Il costo per la conservazione e lo smaltimento definitivo del materiale radioattivo
 
 
PROGETTI
        SPERIMENTALI
        E ALTERNATIVI
1. Lo smaltimento sotto i fondali marini
2.
La "trasmutazione" dei nuclei radioattivi a vita media-lunga in elementi stabili e il "motore" di Rubbia

3. Il Sole come discarica per le scorie nucleari
4. L'uso civile e bellico dell' uranio impoverito (il "prodotto di scarto")
5. Il batterio che ripulisce dalla radioattività
 

 


 

   

last update January 2006     ::     online since 19 December 2003